Nike Tanjun Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso University Red/Whiteteam Red 3lrPGSC93o

B00XWQ07MU
Nike Tanjun, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso (University Red/White-team Red)
  • Materiale esterno: Sintetico
  • Fodera: Tessuto
  • Materiale suola: Sintetico
  • Chiusura: Stringata
  • Tipo di tacco: Senza tacco
Nike Tanjun, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso (University Red/White-team Red) Nike Tanjun, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso (University Red/White-team Red) Nike Tanjun, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso (University Red/White-team Red) Nike Tanjun, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso (University Red/White-team Red) Nike Tanjun, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Rosso (University Red/White-team Red)

Da sapere

Il 5 luglio, a quasi trent’anni dalla ratifica della  Elizabeth Stuart Blinis 992 Sandali Donna Multicolore Multicolore Multi/Noir/Moka
, la camera ha approvato in via definitiva la legge che introduce il reato di tortura nell’ordinamento penale italiano. La nuova legge prevede una pena da quattro a dieci anni di reclusione per chi tortura, che salgono a un massimo di dodici se a commettere il reato è un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio. La norma è stata molto criticata dalle organizzazioni che si occupano di violazioni dei diritti umani e dallo stesso relatore della legge, il senatore del Partito democratico Luigi Manconi. I  Florsheim Pompei Mocassini Uomo Blau Blue 1MnmN7
 della legge riguardano il fatto che per sussistere il reato deve essere “reiterato” e “deve essere stato compiuto con crudeltà e mediante più condotte e deve provocare un verificabile trauma psichico”. L’associazione Antigone  ha commentato  l’approvazione della legge dicendo: “Questa legge sarà difficilmente applicabile. Il limitare la tortura ai soli comportamenti ripetuti nel tempo e a circoscrivere in modo inaccettabile l’ipotesi della tortura mentale è assurdo per chiunque abbia un minimo di conoscenza del fenomeno della tortura nel mondo contemporaneo”.

Trattiamo il problema alla radice

Come Paul Laudicina  ha scritto  sulla rivista Forbes, riassumendo il vertice di Davos (Svizzera), che ha avuto luogo il mese scorso: "Il futuro, sicuramente, è molto incerto. Ma ciò che è estremamente chiaro è che ignorare i segnali di pericolo e non fare nulla per colmare questi divari di ricchezza e comprensione, ci metterà tutti in una situazione difficile".

I nostri attuali sistemi socio-politici  non sono riusciti  a capire e a trattare in un contesto sistemico, i nostri problemi globali interconnessi fra loro. In un mondo dove la disparità economica è diventata tanto radicale da non poter essere più ignorata e dove si prevede che presto l'automazione lascerà senza lavoro milioni di persone, ci viene data l'opportunità di cambiare radicalmente il paradigma sociale.

Scalzi o no?
Diverse ricerche sostengono che correre scalzi come facevano i nostri antenati, dunque appoggiando prima l´avampiede, sia il modo più salutare. A caccia di risposte più precise i paleobiologi statunitensi della George Washington University sono andati ad osservare come corrono gli abitanti della tribù Dasanaach nel nord del Kenia, in Africa, che non usano scarpe, ma neanche hanno la tradizione della corsa, seppure siano fisicamente molto attivi.

Leggi anche:  Hoka One M Clayton 2 Scarpe Uomo blu blu medievale / arancione caco

Lo studio
Lo studio, condotto su 38 uomini e donne della tribù Dasanaach impegnati in corse brevi programmate, è stato pubblicato sulla rivista scientifica “PloS One” e ribalta la convinzione che la corsa a piedi nudi porti di per sé ad appoggiare prima la punta.
I soggetti Dasanaach hanno modificato l´appoggio del piede a seconda della velocità: principalmente talloni all´inizio per appoggiare poi anche pianta e poi avampiede con l´aumentare della velocità.

Leggi anche: Elisabetta Franchi Tracolla Donna BS16A81E2 Celeste

I risultati
In sintesi Kevin Hatala, direttore dello studio, conclude che non esiste un modo più naturale per correre. E che la battuta anche sull´avampiede è la meno traumatica per il piede e lo scheletro perché ripartisce meglio il peso del corpo. Spiega Hatala: “Ci sono differenti strategie biomeccaniche che si innescano sotto lo stimolo della corsa a seconda delle necessità e molto è ancora da scoprire”.

Leggi anche:  New Balance Mens 1865v1 Walking Shoe Grey/Black 95 4E US

Tag: Asics GelSonoma 3 GTX Scarpe Running Donna Nero Blackonyxcarbon 9099

La musica perde Magnus, faro del rock. Vani i tentativi di rianimarlo. E' spirato sull'ambulanza

13/02/2017 - 12:40

I soccorsi risultati vani

0

Segui anche:

Gianluca Magnani Magnus Nike Air Max 95 Essential Sneaker Uomo Grigio Cool Grey/Cool Grey/Cool Grey 012
jogging arresto cardiaco

CESENA. È morto a soli 49 anni, stroncato da un arresto cardiaco, mentre faceva jogging in vicolo Cerchia. Gianluca Magnani era per tutti “Magnus”, era stato uno storico conduttore radiofonico di Radio Melody (e aveva da poco ripreso con Melody Box), apprezzato deejay in tanti locali ed indiscusso punto di riferimento per gli appassionati di musica rock del territorio cesenate e non solo. La sua è una perdita inattesa e che lascerà un grande vuoto.

Il corpo esanime, steso sul selciato e seminascosto dietro un cassonetto dei rifiuti, è stato notato da un passante intorno alle 14.30. Si trovava lungo vicolo Cerchia, stradina poco trafficata che collega via Boscone con via Cerchia di Martorano. Magnus stava facendo una corsetta, come era evidente dall’abbigliamento sportivo che non indossava.

Immediatamente è accorsa sul posto un’ambulanza del 118. Sono stati fatti lunghi tentativi di rianimazione, ma si sono rivelati vani: il decesso è stato accertato subito dopo che l’uomo era stato caricato sul mezzo per provare una disperata corsa verso l’ospedale Bufalini. Per i rilievi del caso è giunta sul posto la polizia municipale. In un secondo momento sono stati comunque coinvolti negli accertamenti anche i carabinieri. La professione di Gianluca Magnani era quella di infermiere, in particolare nel campo delle endoscopie.

La sua vera e sconfinata passione è però sempre stata la musica. In questo ambito aveva una grande cultura, che gli veniva riconosciuta da tutti, una vera enciclopedia della musica rock. Era stato uno dei conduttori di punta di Radio Melody. Ed ultimamente si era immerso di nuovo nel mondo radiofonico, tenendo un “box” in orario serale su Radio Icaro Rubicone che fin dall’anno scorso aveva segnato una sorta di rinascita di Radio Melody.

Era quotatissimo anche come deejay. Negli Anni ’80 e ’90, in questo ruolo, era diventato un vero “guru” alla Bussola (al piano superiore, il Bussolino). Ma la lista dei locali per i quali aveva lavorato è lunga, dal Cotton Club al Modern Casinò fino al Vidia.

Magnus, che avrebbe compiuto 50 anni il mese prossimo ed aveva la propria residenza in via Cafiero (nella zona delle Vigne), lascia una figlia di 14 anni, avuta dalla ex moglie.

Ieri, quando è iniziata a circolare la notizia, dalle prime reazioni è parsa chiara la consapevolezza diffusa e forte che si sia spento un faro del mondo musicale locale.

Adesso la salma di “Magnus” giace in obitorio a Cesena e non resta che attendere il via libera per fissare la data ed il luogo del funerale. Un momento che si preannuncia fin da ora molto partecipato.

IL GRUPPO
QUOTIDIANI DEL SOLE 24 ORE
SERVIZI
ABBONAMENTI